RAI – SOTTOTITOLI – LIS – I DIRITTI NEGATI AI SORDI

By on agosto 12, 2016 Diritti umani
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner"

Ciao cari amici sordi,

oggi faccio il video in occasione per rispondere alla “Protesta Rai” sul Gruppo Art.2 .

Ho seguito molto molti vostri video e letto molti vostri commenti con molta attenzione, condivido pienamente con voi, noi siamo molto arrabbiati, delusi, insoddisfatti e adesso con l’apertura delle olimpiadi Rio, anche li senza sottotitoli, e da li siamo scoppiati perché già da tanti anni fino ora la Rai continua ad essere indifferente, non ci rispetta, noi paghiamo bene il canone Rai e loro continuano ad essere indifferenti, i sottotitoli non sono precisi, spesso saltano o che mancano e poco servizio degli interpreti Lis e quindi fino ora abbiamo subito, siamo stati zitti ma adesso abbiamo cominciato a reagire perché siamo scoppiati.

Adesso è arrivato il momento anche soprattutto perché quest’anno è aumentato pure il canone Rai e loro continuano a usare l’indifferenza e a non portare rispetto a noi, no, BASTA!

Adesso dobbiamo cominciare a “urlare” dicendo di portarci rispetto, di darci la parità come gli udenti, di darci il servizio completo come gli udenti perché anche gli udenti pagano il canone Rai ma non hanno problemi perché hanno l’udito per ascoltare tutti i canali, e noi?

Noi dobbiamo continuare a stare zitti? Dobbiamo continuare a lascar perdere anche se paghiamo il canone?

No, è arrivato il momento per protestare, è arrivato il momento di urlare, “Urlo in silenzio” per dire a loro di ascoltarci, di ascoltare i sordi, che ci siamo anche noi, anche noi abbiamo i Diritti Umani come gli udenti.

Ida Collu ha scritto la lettera aperta, io condivido pienamente quella lettera, veramente molto concreta e molto importante, si condivido pienamente, si è arrivato il momento di protestare insieme.

Per protestare, dobbiamo essere tutti uniti, devono essere molti sordi e altre associazioni di aiutarci a protestare, di aiutarci a combattere tutti insieme alla Rai per avere i sottotitoli completi, di lottare per ascoltarci, di protestare per avere il nostro rispetto sui diritti umani, abbiamo la nostra dignità.

Protestare anche per  avere la parità come gli udenti, uguali a loro, perché anche loro come noi paghiamo lo stesso canone Rai e quindi devono darci il servizio anche a noi.

A fine settembre o i primi di ottobre noi organizzeremo una manifestazione che si chiamerà :

DIRITTI in MOVIMENTO, noi andremo tutti alla sede della Rai e li dobbiamo dimostrare che siamo presenti anche noi, che esistiamo anche noi, questa è un’occasione.

E’ anche il momento giusto perché a fine ottobre o inizi di novembre ci sarà la Riforma Costituzionale , che dovremo votare il SI o il No, quindi mancano i sottotitoli o senza interprete Lis o che manca il servizio, quindi è un’occasione per chiedere a loro che visto che a breve si voterà, noi sordi abbiamo il diritto di voto quindi devono darci il servizio completo con i sottotitoli cosi noi potremo “ascoltare” le notizie dal Governo, le discussioni della politica, cosi noi potremo seguire e sapere tutto e che potremo andare a votare con consapevolezza il voto Si o il No. Se mancheranno i sottotitoli o senza interprete Lis, noi sordi andremo lo stesso a votare il Si o il No? Andremo lo stesso senza sapere nulla? Di votare o il Si o il No senza sapere il contenuto della politica?

No, noi non accettiamo questo.

Per questo dobbiamo lottare per avere questo diritto e non solo ma per tutto.

A breve, uscirà la bozza della lettera di protesta sul Gruppo Art. 2 e sul sito MoSE, quella bozza lettera voi potete guardare e copiare scrivendo come la lettera e da li manderete ai destinatari.

Sul sito e sul Gruppo Art.2 c’è scritto tutto a chi mandare,  e in occasione dovrete essere tutti a mandare compreso le associazioni quella bozza lettera protesta, voi mandate e MoSE li raccoglierà tutto e andrà a parlare e a discutere dicendo che siamo in tanti a protestare per avere questo diritto che loro devono darci.

In questo modo i politici, il Governo, potranno cominciare ad ascoltarci, questo perché fino ora noi sordi eravamo sempre in pochi a protestare, ma adesso no, dobbiamo essere in tanti! Dobbiamo dimostrare che anche noi sordi abbiamo questo diritto!

Se voi avete il diritto non lottate? Si, si deve lottare!

A breve aggiornamento per gli orari, il luogo e come per la manifestazione.

A presto.