Lettera aperta: I SORDI ANCORA CITTADINI DI SERIE B

By on marzo 28, 2017 Diritti umani

LETTERA APERTA

 

 

Al Presidente della Repubblica

On. Sergio Mattarella

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

On. Paolo Gentiloni

Al Presidente RAI

Monica Maggioni

Al Direttore Generale  Rai

Antonio Campo Dall’Orto

Al Presidente della Commissione parlamentare di Vigilanza Rai

On.le Roberto Fico

Al Ministro della Cultura e dello Spettacolo

On. Dario Franceschini

Al Ministro per lo Sviluppo Economico -Comunicazioni

On. Carlo Calenda

 

 

Oggetto: Le persone sorde cittadini di serie B? Protesta per mancati sottotitoli e interprete di Lingua dei Segni Italiana.

 

 

Il Movimento Sordi iItaliani per l’Eguaglianza – MoSE – Onlus,  associazione nazionale che persegue obiettivi di solidarietà e giustizia sociale nonché di tutela e difesa dei diritti umani e civili delle persone affette da sordità,  esprime profondo rammarico e delusione per la mancata sottotitolazione e presenza dell’interprete di LIS alla cerimonia dei candidati al premio David di Donatello trasmessa questa mattina su RAI Uno in presenza del Presidente della Repubblica On. Sergio Mattarella, del Ministro della Cultura e dello spettacolo On. Dario Franceschini, e di numerosissime personalità del mondo del cinema,  dello spettacolo e della Cultura tra cui  l’attore Roberto Benigni.

Rammarico e delusione perché ancora una volta la Rai ha disatteso il più elementare diritto dei sordi italiani – utenti che pagano il canone Rai come tutti i cittadini normodotati- che chiedono da anni piena accessibilità a tutti  programmi delle reti RAI.

Noi non siamo cittadini di serie B.

Il Movimento dei Sordi Italiani esprime vibrata protesta al Presidente Rai, al Direttore Generale, al Presidente della Commissione di Vigilanza Rai, del Ministero dello Sviluppo Economico – Comunicazioni, invocando il rispetto e l’applicazione del Contratto di Servizio nonché della Convenzione Onu sui Diritti delle Persone con disabilità ratificata dal Parlamento Italiano con legge n.18/2009, e l’art.3 della Costituzione Italiana sul principio dell’uguaglianza e pari dignità di tutti i cittadini senza distinzione alcuna.

Rivolge accorato appello al Presidente della Repubblica -garante della Costituzione- affinché possa intercedere presso gli Organi preposti, per la rimozione degli  ostacoli che rendono difficoltosa la piena accessibilità ai programmi Rai anche alle persone sorde.

   

 

Roma 28 marzo 2017                                                                                                                                                

                                                                                                                                 Il Presidente Nazionale

                                                                                                                                       Federica Miralli

                                                                                                                       I SORDI ANCORA CITTADINI DI SERIE B” IMG_0498 IMG_0499 IMG_0500